Edizioni AIAB, Anno X, Numero 108, 7 giugno 2013



SEGUICI SU FACEBOOK E TWITTER     

 

Editoriale a cura di Alessandro Triantafyllidis, presidente AIAB 

Ancora del falso bio: non bastano più le toppe,

 serve una ristrutturazione dei controlli ma soprattutto seria politica di sviluppo del biologico nazionale

 

La storia si ripete, anzi è solo l'ennesima puntata - anzi le ennesime due puntate - della serie “Gatto con gli stivali”. Perciò un plauso va alla Guardia di Finanza che fin dall'inizio dell'indagine ha effettuato un lavoro minuzioso di analisi del settore che continua a portare alla luce ramificazioni e distorsioni delle volontà criminali che le hanno organizzate.
Però se tutto ciò continua a succedere è perché manca ancora, a livello europeo e nazionale, quella sicurezza alle frontiere che garantisca al 100% la certificazione dei prodotti.
Il problema non è solo questo, o meglio questo è il problema puntuale ma che fa parte di una tragedia ben più grande che è la mancanza di una politica di sviluppo del settore biologico nazionale che dia una risposta locale ai fabbisogni di proteaginose ed altre granelle. Al dramma partecipano l'assenza di un sistema sanzionatorio così severo da scoraggiare questo tipo di frodi e la mancanza di pena sicura per i “recidivi”  siano essi persone o organizzazioni che debbono essere espulsi dal sistema bio senza possibilità di mascherarsi e rientravi.
L’ostinazione e l’inedia con cui si assiste imbelli alla penetrazione di interessi illeciti nel campo di azione del biologico lascia sgomenti. Ma ci piace di più essere propositivi che oziosamente critici, ecco i nostri suggerimenti:
•    facciamo un rapido processo consultativo che entro fine anno ci porti a formulare una politica per bio nazionale (piano proteine incluso) su cui coagulare sforzi e risorse del prossimo PSR.
•    Rivediamo il sistema dei controlli alla frontiera in modo da stringere le maglie e finalmente “filtrare” i soliti furbi.
•     Cogliamo l'occasione della revisione  del regolamento europeo, in atto, per dare maggiore sicurezza al sistema, ma senza morire di burocrazia!

AIAB è pronta ed ha già attivato un percorso di consultazione sulla revisione del regolamento europeo sul biologico  e, preceduto da tappe di avvicinamento che costruiscano una riflessione operativa, lancia già un primo appuntamento pubblico: 11 luglio a Roma, tutti invitati purchè costruttivi!


 

 




AIAB_25anni_oriz






logo-comprobio





SOMMARIO:

  1. Mondo bio
  2. Bioricercando
  3. Agricoltura Sociale News
  4. L'agenda

Mondo Bio

a cura di Giuliana Sesto, Sabina Galandrini  e Laura Lincesso

ITALIA


Assegnati fondi in Italia per lo sviluppo rurale 2014-2020 dalla Commissione Europea


La Commissione europea ha diffuso una tabella sulla ripartizione tra gli Stati membri delle risorse assegnate allo sviluppo rurale sulla base dell'accordo tra i capi di Stato e di governo dell'UE sul quadro finanziario pluriennale 2014-2020, raggiunto al Consiglio Europeo di febbraio. Il totale delle risorse da ripartire e' di 84.936 milioni di euro. All'Italia vengono assegnati complessivamente 9.266,9 milioni di euro. si tratta della cifra più consistente dopo quella della Polonia, che ha un enveloppe di 9.742,2 milioni di euro. Al terzo posto è la Francia con 8.804, 6 milioni seguita dalla spagna con 7368,3 milioni, dalla Germania con 7303,8 e dalla Romania con 7124,1 milioni. Nel periodo 2007-2013 all' Italia erano stati assegnati 8.292 milioni di euro.


[Fonte: Agra Press]


Torna al sommario



 

EUROPA


   

L’Ue trova un compromesso per fermare lo sfruttamento ittico

 

Giovedì scorso l'Unione Europea ha raggiunto un accordo teso a mettere fine a decenni di eccessivo sfruttamento ittico e a ricostituire, entro il 2020, le scorte depauperate nel quadro di un accordo più generale che prevede una riforma della politica europea della pesca. L'accordo metterà fine a una lunghissima discussione sulle quote di cattura, portata avanti, a Bruxelles, dai ministri dell'Unione Europea, duramente accusati di anteporre gli interessi economici di breve periodo alla salute a lungo termine degli stock ittici europei. Alcuni funzionari hanno sottolineato come un accordo che segua fedelmente i consigli scientifici nel momento in cui si definiscono le quote di cattura per il futuro, possa aumentare gli stock ittici dell'Unione Europea fino a 15 milioni di tonnellate, entro la fine del decennio. La riforma comporterà, inoltre, una massiccia riduzione di una pratica dannosa conosciuta come rigetto, che, ogni anno, vede i pescatori europei rigettare in mare quasi 2 milioni di tonnellate di pesce – spesso morto o morente – nel tentativo di riempire le rigide quote con le specie più redditizie. In una dichiarazione rilasciata subito dopo l'accordo, Chris Davies, eurodeputato liberaldemocratico, e responsabile del gruppo "Fish for the Future" del Parlamento Europeo, lo ha descritto come il passo più importante nella promozione di una pesca sostenibile. "Il trattamento che abbiamo riservato ai mari europei è stato una vera disgrazia. Ma abbiamo imparato la lezione. In tutta Europa, vi è oggi, un forte desiderio di seguire i consigli degli scienziati, ricostituire gli stock ittici, ridurre i rigetti in mare, e dare alla nostra industria della pesca un futuro migliore", ha detto.
In Europa, la Politica Comune della Pesca, da quasi un miliardo di euro l'anno, è stata accusata di aver consentito decenni di sovra-sfruttamento, con generosi sussidi che hanno portato a un'eccessiva capacità dei pescherecci.  Di conseguenza, la Commissione Europea stima che il 75% degli stock ittici dell'Europa siano oggi soggetti a un eccessivo sfruttamento contro il 25% in tutto il mondo. In base all'accordo, gli stati rivieraschi dell'Unione Europea dovranno ridurre la dimensione dei pescherecci per rientrare nelle loro quote o dovranno far fronte alla perdita di parte dei sussidi. L'accordo deve, ora, essere approvato dai governi dell'Unione Europea e dal Parlamento Europeo in sessione plenaria, prima di entrare in vigore l'anno prossimo, ma
i dettagli non dovrebbero cambiare. Le principali nazioni ittiche dell'Europa sono la Danimarca, la Spagna, la Gran Bretagna e la Francia che insieme costituiscono quasi metà di tutte le catture europee.

[Fonte: Financial Times, Agra Press].


Torna al sommario

 


  
MONDO

Congresso IFOAM Internazionale sul biologico a Instanbul

 

 

L'IFOAM - Organic World Congress (OWC) è il più grande e importante raduno sul biologico al mondo che si svolge ogni tre anni per discutere la strategia e la roadmap di agricoltura biologica. Per coadiuvare la vita ecologica Bugday Associazione organizzerà il diciottesimo OWC a Istanbul in Turchia il 13-15 ottobre 2014. Il congresso prevede di riunire più di 2.500 soggetti interessati sul tema “Costruire ponti organici”. Sarà un'occasione unica per costruire una rete nel mondo del bio, ma anche per conoscere le più recenti tecnologie, tecniche di produzione e metodi di marketing. 
Il congresso di quest'anno è strutturato su tre filoni tematici con 256 presentazioni: filone principale, quello scientifico e per i praticanti. Il filone principale, composto da due sessioni parallele, incentrato sulla costruzione, la crescita del mondo e dell’agricoltura bio, si basa sulla ricerca di relatori che discutono del futuro del bio a livello globale. Il filone scientifico è progettato per i ricercatori al fine di poter presentare gli ultimi risultati sui sistemi, produzione vegetale, zootecnia, socio-economia, la trasformazione, il commercio, la ricerca e la nutrizione umana. La discussione si concentrerà sulla costruzione di ponti tra le aree ricche e povere del mondo, tra conoscenza e pratica scientifica, tra nuove e vecchie tecnologie. Il filone dei praticanti si baserà su un forum per lo scambio di conoscenze pratiche e di esperienze negli aspetti pratici e strategici, nonché socio-culturale di alimenti biologici e l'agricoltura con tre temi principali: costruire ponti tra i sistemi biologici tradizionali e il futuro, tra le parti interessate e tra strategie.
Inoltre ci saranno una serie di workshop allo scopo di evidenziare i contributi delle varie iniziative da tutto il mondo bio. Ogni istituto e soggetto interessato è invitato a condividere la propria esperienza con i partecipanti al congresso. Ad arricchire l’esperienza ci saranno anche eventi collaterali, comprese le visite ai mercati biologici e fattorie vicine, gite culturali a Istanbul, attività gastronomiche, mostre e proiezioni di film. Conferenze introduttive nazionali e internazionali legate alle diverse prospettive del settore biologico saranno organizzate da diverse istituzioni durante il fine settimana prima del congresso, insieme a un forum nazionale che riunirà le ONG che lavorano in agricoltura, ecologia, alimentare, la biodiversità, la protezione della natura, e il cambiamento climatico. Le call per  i filoni tematici e i workshop sono già aperte sul sito. Il termine per la consegna dei moduli di partecipazione è il 30 settembre 2013. Per maggiori informazioni: www.owc2014.org o scrivere a:  


 

 

 Torna al sommario

 

Bioricercando

 

A cura di Luca Colombo - ricercatore, segretario generale FIRAB

 

Programma Ambition Bio 2017, la Francia si muove


ISi è tenuta lunedì scorso la riunione di selezione del nuovo Comitato di Pilotaggio del Panel di Esperti di Alto Livello (High Level Panel of Experts - HLPE, in inglese), il cui compito è di produrre expertise e analisi a supporto del sistema decisionale internazionale in materia di insicurezza alimentare.
Con il mandato della società civile organizzata internazionale impegnata sul binomio cibo e agricoltura, ho partecipato alla selezione congiuntamente a un esponente per ognuna delle organizzazioni tematiche del sistema Nazioni Unite (FAO, IFAD, PAM e CGIAR, la rete di ricerca agricola internazionale).
L’HLPE ha il compito di valutare e analizzare lo stato e le cause dell’insicurezza alimentare e dei problemi nutrizionali, fornire analisi e soluzioni in termini di politiche, identificare temi emergenti e aiutare a indicare priorità sulle azioni future. Si tratta di un ruolo affidato a un gruppo di esperti multidisciplinari portatori di saperi ed esperienze eterogenee, non circoscritto all’ambito della ricerca formale, un passaggio importante in quanto implica il riconoscimento che la conoscenza è decentralizzata e distribuita tra le diverse aree del pianeta, tra gli ambiti disciplinari e tra i soggetti che la detengono, oltre a essere in continuo divenire dentro un processo di creazione e riformulazione dei saperi. È questa una presa di coscienza che impone pertanto il recupero e l’integrazione di punti di vista critici e dell’evidenza empirica, fondamentali per produrre un impianto organico di informazioni e analisi.
Questa esperienza rende manifesto come la società civile possa fattivamente contribuire all’identificazione di percorsi e soluzioni adottabili dal sistema di governance e pertinenti alla costruzione di conoscenza, metodo applicabile ad ogni latitudine e contesto democratico. Si evidenzia anche come l’Italia, e le sue rappresentanze politiche e sociali, dispone di un vantaggio di posizione di particolare rilevanza da giocarsi sul fronte delle politiche agroalimentari. Spesso lo dimentichiamo.

 

   

Torna al sommario

 

 

 

Agricoltura Sociale News

a cura di Anna Ciaperoni e Giulia Colucci

 

Prima Festa Nazionale dell’Agricoltura Sociale


Il 22 e 23 Giugno si terrà la prima Festa Nazionale dell’Agricoltura Sociale organizzata dal Forum Nazionale Agricoltura Sociale in collaborazione con AIAB, ALPA e CNCA e con il patrocinio di INEA. L’evento si svolgerà a Chiaiano (Napoli) presso il fondo rustico confiscato alla camorra "A. Lamberti" (via Casaputana), gestito dalla cooperativa “Resistenza”. La festa coinciderà con la tappa napoletana del “Festival dell’impegno civile” organizzato dal Comitato “Don Peppe Diana”. Parteciperanno aziende agricole, cooperative sociali e realtà interessate al tema che avranno a disposizione stand espositivi sia per i prodotti che per i materiali informativi. Chi è interessato ad aderire alle due giornate con un suo stand può compilare il modulo in allegato e versare la quota associativa 2013 per l’adesione al Forum. Le quote sono poco più che simboliche, 50 euro per le organizzazioni e 20 per i singoli. AIAB parteciperà, insieme ad altre associazioni, all’iniziativa con uno proprio stand dove saranno esposti tutti i materiali informativi prodotti dall’associazione sull’ Agricoltura Sociale, e più in generale sull’agricoltura biologica  a livello nazionale e territoriale.
Le AIAB regionali che non potranno essere presenti con i propri delegati sono pregate di  inviare a Napoli i prodotti che vogliono promuovere, non commercialmente, e il loro materiale informativo che sarà esposto nello stand di AIAB federale.  I prodotti vanno spediti entro e non oltre il 19 Giugno al seguente indirizzo:

Azienda agricola Antonio Paparo, via Monteoliveto n 82, cap 80040 Volla (Na), aperta dalle 8:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Il referente dell’iniziativa sul territorio è il Presidente di AIAB Campania, Antonio Paparo: 339 4027847, 
A breve il programma definitivo



Nasce il Forum Nazionale Agricoltura Sociale – Calabria


Lunedì 10 giugno a Lamezia Terme alle ore 15:00 presso la Sala Sintonia dell’ Associazione “ Comunità Progetto Sud” di via Reillo 5 , nascerà il Forum Nazionale Agricoltura Sociale – Calabria, per far crescere insieme una nuova integrazione del mondo dell’agricoltura con il mondo dei servizi socio-sanitari, educativi, della formazione e del lavoro.  All’incontro parteciperà Salvatore Stingo, portavoce del Forum Nazionale Agricoltura Sociale. Interverranno associazioni, consorzi, cooperative che operano nel settore agricolo e dell’agricoltura sociale, le istituzioni regionali e locali, le OO. PP. del settore agricolo.


Programma



Torna al sommario


L'Agenda

Appuntamenti

 

Festa di Cerealia (Roma)

 

CerealiaDal 6 al 9 giugno alla Città dell'Altra Economia di Roma, ma anche presso agriturismi, aziende agricole, ristoranti tradizionali e biologici tra Roma e Ariccia, con Cerealia, manifestazione dedicata a tutti i cereali come avveniva negli antichi rituali delle Vestali. La festa si svolge con cene, degustazioni guidate, spettacoli, convegni, seminari e incontri. La terza edizione di Cerealia sarà dedicata alla Grecia. Gli antichi rituali delle vestali verranno rievocati in forma scenica e costituiscono l’elemento “romano” che caratterizzerà l’evento. Numerose le visite guidate per conoscere meglio il mondo dei cereali. Cerealia vuole diffondere la conoscenza del valore della terra e delle culture autoctone, riallacciando i legami con il territorio. All’interno di Cerealia si svolgeranno diversi laboratori in occasione della prima Festa Romana Della Pasta Madre alla Città dell'Altra Economia:  i cinque laboratori previsti per sabato 8 giugno inizieranno tutti alle ore 11, mentre domenica 9 giugno inizieranno tutti alle ore 14. 
L’evento è curato da La casa del Cibo. Il contributo per ogni singolo corso è di 20 €


La prenotazione è obbligatoria e potete farlo chiamando al numero: 338 8796402
La mappa dei laboratori, altri dettagli della Festa su www.casadelcibo.it
Per info: 0677203007  -  Sito web.
.


Torna al sommario

 

AIAB Lazio lancia la terza tappa degli itinerari enogastronomici e turistici integrati: l’Itinerario biodinamico


Il 15 giugno parte il terzo itinerario enogastronomico e turistico organizzato da AIAB Lazio grazie al Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale della Regione Lazio e in collaborazione  con la Cooperativa Agricoltura Nuova.
Il terzo itinerario di AIAB Lazio sarà orientato tutto verso l'agricoltura biodinamica con la degustazione di cereali e altri prodotti tipici e tradizionali coltivati con questo metodo e con l'approfondimento tematico sulla produzione e commercializzazione dei prodotti di qualità biologico biodinamica:  reti tra produttori e forme innovative di vendita.
L'agricoltura biodinamica é un modello di produzione agricola che, idealmente, si trova all'interno dell'insieme dell'agricoltura biologica. In che cosa si differenzia l'agricoltura biodinamica da quella biologica? Oltre a recuperare pratiche tradizionali, quali il sovescio e la rotazione delle colture come nell'agricoltura biologica, l'agricoltura biodinamica si basa su una serie di "preparati" utilizzati in dosi omeopatiche, che funzionano come vere medicine per il terreno e per le piante (che essendo preparati completamente naturali rientrano comunque all'interno del disciplinare del biologico). Per consultare il programma in dettaglio, cliccare qui.


Torna al sommario


 

Concorso di Idee per il Sulcis – prorogato il termine per votare la proposta di AIAB Sardegna

 

C'è tempo fino al 27 giugno per votare la proposta di AIAB Sardegna al concorso internazionale di idee "Un’idea per lo sviluppo sostenibile del Sulcis”. Dalla volontà di produrre crescita e sviluppo per l’area del Sulcis, area meridionale della Sardegna particolarmente colpita dalla crisi e al centro di diverse battaglie per l’occupazione, nasce il Concorso internazionale di idee “Un’idea per lo sviluppo sostenibile del Sulcis” previsto all’interno del Protocollo di intesa, siglato, il 13 novembre 2012, tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministro per la Coesione territoriale, la Regione Autonoma della Sardegna, la Provincia di Carbonia-Iglesias ed i Comuni del Sulcis Iglesiente. La realizzazione è curata da Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa spa.
Il Concorso intende stimolare lo sviluppo di idee per valorizzare il "luogo" Sulcis Iglesiente e raccogliere idee utili alla costruzione del «Progetto Strategico per il Sulcis» che conterrà la “vision strategica” per il territorio, le azioni da realizzare, gli attori coinvolti e le modalità attuative.
Dopo la pubblicazione di una preliminary call, il 28 gennaio 2013, il concorso si è chiuso il 22 aprile 2013. Ora una Commissione di valutazione selezionerà le migliori idee tra quelle presentate.
Anche l’AIAB Sardegna ha ritenuto di dover dare il proprio contributo allo sviluppo del territorio attraverso la presentazione di un’idea progettuale dal titolo: UIZA BIO (Sant'Antioco Isola del Biologico) che prevede la realizzazione di un distretto biologico presso l'isola di Sant'Antioco per lo sviluppo e la valorizzazione delle filiere agro-alimentari. Grazie al recupero della tradizione agricola e all’introduzione dei metodi di produzione biologica, che ben si coniugano con il valore naturalistico dell’ambiente isolano, il progetto intende stimolare nuove opportunità economiche e occupazionali in una logica di integrazione con le attività turistico-recettive del territorio.
L’iniziativa parte dall’idea che lo sviluppo di un’area così importante sotto il profilo ambientale, culturale e della tradizione eno-gastronomica debba passare attraverso la valorizzazione e lo sviluppo di una produzione agricola moderna e di qualità, quale quella biologica, in grado di recuperare lo stato dei luoghi e di fornire interessanti prospettive occupazionali e di sviluppo sostenibile.
A partire dal 23 aprile e fino al 27 giugno, è possibile esprimere il proprio gradimento per l’iniziativa al seguente link.

Votate, votate!


Torna al sommario

 

 

Nuova modalità di selezione contributi scientifici dei  convegni aperti a  "call for papers" - partecipazione alle conferenze di Ecomondo 2013


Per la nuova edizione di 2013 EcoMondo,  sono aperte le selezioni per partecipare ai convegni aperti a Call for Papers dell'edizione 2013 di Ecomondo.
 I relatori interessati ad inviare contributi scientifici ai convegni call for paper, sono invitati a registrarsi online al link e ad inviare uno o più abstract, usando il template scaricabile al link sopra indicato,, accompagnato dalla scheda di iscrizione e dalla specifica circa la modalità di presentazione (poster o orale) preferita, ai coordinatori della sessione/convegno di interesse (indicati con i loro indirizzi e-mail per ciascun convegno) e a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
 Gli abstract presentati, in accordo con le linee guida e inviati nei tempi indicati, saranno valutati dalla Commissione Scientifica di Ecomondo. Gli abstract non conformi in termini di contenuti e di format o sottoposti oltre il 30 Giugno non saranno accettati.
 Gli abstract accettati per una presentazione orale o poster (le accettazioni saranno comunicate entro il 15 di Luglio) potranno divenire oggetto di un articolo di 5/6 pagine (in Italiano o in Inglese) da pubblicare sul DVD degli atti di Ecomondo edito da Maggioli Editore o in Inglese sulla Rivista scientifica internazionale peer-reviewed Environmental Engineering Mfnagement Journal (IF: 1). Gli interessati a questo dovranno redigere il manoscritto in accordo con le istruzioni per gli autori (che saranno rese disponibili sulla pagina web del programma entro la fine di Giugno 2013) ed inviarlo alla Dr. Grazia Totaro Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   e a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro e non oltre il 1°/5 Settembre 2013.
 SCADENZA INVIO ABSTRACT: 30 GIUGNO 2013  
Per  info, link al sito web

 

Torna al sommario

 

Festeggiamenti per il secondo anniversario del 

"Referendum per l’acqua pubblica"

 

Il Coordinamento Romano Acqua Pubblica festeggia il prossimo 12 giugno in Piazza S. Cosimato dalle ore 18 il secondo anniversario del referendum e sarà occasione per ribadire l'importanza del rispetto degli esiti referendari e dare risalto alle vertenze in atto e ai percorsi di ripubblicizzazione aperti. Sarà un momento di confronto e di festa in cui ritrovarsi insieme alle tante persone che hanno e stanno combattendo in favore dell'acqua pubblica.
 Per l’occasione, a due anni dalla vittoria referendaria per l'acqua bene comune e contro il nucleare si svolgerà un incontro pubblico “Fuori i privati dall'acqua, verso la ripubblicizzazione”con Stefano Rodotà. A seguire il concerto del Ponentino Trio , Ascanio Celestini e l’aperitivo a sostegno della campagna “A Roma...Pubblica l'Acqua” per la ripubblicizzazione di Acea. L’iniziativa è in collaborazione con il Cinema America Occupato.
Leggi qui per saperne di più sulla proposta di ripubblicizzazione, per l'evento su Facebook e sul Blog.
In allegato, la locandina dell’evento.

 

Torna al sommario

 

 

8a Festa nazionale Città delle ciliegie

 

L’associazione nazionale “Città delle ciliegie” presenta l’ottava Festa nazionale “Città delle Ciliegie” che si svolgerà dal 7 al 9 giugno a Turi in Puglia, evento che prevede numerosi appuntamenti finalizzati alla valorizzazione e promozione dei territori cerasicoli d’Italia.
Alla manifestazione pugliese saranno presenti le ambasciate di Russia, Germania, Marocco in un clima di internazionalizzazione dei mercati; saranno presentati dall’Università di Bologna le ultime varietà di ciliegie della linea “Sweet”, frutto della sperimentazione genetica italiana; si svolgerà la 16° edizione del Concorso nazionale “Ciliegie d’Italia” Premio Claudio Locchi in collaborazione con Andmi, Associazione nazionale direttori di mercati all’ingrosso e saranno presenti decine di stands enogastronomici che esporranno il meglio dei prodotti tipici provenienti dai territori di produzione  di 65 Comuni aderenti all’Associazione.
.


Torna al sommario

L’orto in città con la biodinamica: coltivare in modo sano e naturale terrazzi, balconi, tetti e piccole aiuole

 

Il 15 e 16 Giugno a Villa di Campo, Comano Terme (Trento) si svolgerà un incontro su come coltivare un orto biodinamico in città.
Coltivare è un gesto atavico che ci permette di avere un contatto profondo con la terra. Si imparererà a far crescere piante e fiori in modo sano e divertente. Le tecniche dell'agricoltura biodinamica  permetteranno di sviluppare una sensibilità ed un rispetto verso tutto ciò che è vivente. Produrre il proprio cibo ci permette di entrare in una nuova dimensione di crescita e consapevolezza alla quale oggi non si può rinunciare. Si imparererà a curare l'orto e il giardino senza l'uso di sostanze nocive seguendo le indicazioni del metodo agricolo biodinamico, ma usando le tecniche biodinamiche per portare una buona fertilità alla terra, risparmiando acqua e fatica.
Per consultare il programma qui


 

Torna al sommario


 

TP Organics  presenta il Forum degli stakeholder 2013

 

Si svolgerà il prossimo 25 giugno a Bruxelles il Forum annuale degli Stakeholder di TP Organicsdal titolo “Soluzioni biologiche per l’agricoltura sostenibile” che avrà luogo presso la sede del Parlamento Europeo dalle 15 alle 18. Il forum ospiterà esperti mondiali del settore alimentare e agricolo, PMI, istituzioni pubbliche, altre piattaforme tecnologiche e organizzazioni della società civile per stabilire le priorità dei primi programmi di lavori Horizon 2020 e i partner europei per l’ innovazione (EIP) per la produttività e la sostenibilità. Per partecipare è necessario registrarsi e compilare il modulo di registrazione al entro il 12 giugno.

 

 Torna al sommario

Call per Manager di supporto - IFOAM

 

IFOAM è in cerca di una figura professionale con competenze attestate nella strategia di costruzione, implementazione, gestione, networking e fundraising. Il manager di supporto che IFOAM cerca - che  fa capo al Direttore Esecutivo - è responsabile per la strategia di sostegno globale di IFOAM (ciò include le sue campagne, le sue pubblicazioni, e il mirare aI dibattiti sull’agricoltura internazionale) e per implementarlo con il dipartimento di supporto,i suoi ambasciatori e il loro network di volontariato. Il manager di supporto è parte del gruppo di gestione di IFOAM.

In particolare, stiamo cercando una figura con le seguenti competenze chiave:

- Buona conoscenza di suono sui fondamenti e le questioni globali legate all’agricoltura biologica e un alto livello di committenza e passione per la sostenibilità in agricultura;

- Conoscenza e esperienza sulla costruzione dei processi politici e di consapevolezza come le Nazioni Unite e nel Movimento globale del biologico;

- Costruzione di acute e brillanti strategie, straordinarie abilità analitiche sui processi politici internazionali in corso. Grande abilità di riconoscimento e di opportunità integrate per un effettivo supporto su budget ridotti.

- Esperienza nei processi politici decisionali a livello nazionale ed internazionale e nel fare azione di lobbyng i loro contenuti.

- Trasferire le informazioni in modo convincente durante le presentazioni al pubblico politico e professionale

-  Eccellenti abilità di scrittura per articolare i messaggi in un modo conciso e ad alto impatto così come la produzione di interessanti pubblicazioni per target di pubblico.

La scadenza per l’invio delle domande, complete di CV, lettera motivazionale, aspettative sul salario e i contatti di due persone per le referenze è prevista per il 15 giugno prossimo.

Per consultare il regolamento e scaricare la domanda, basta cliccare qui.


Torna al sommario

Formazione


Seminari online del progetto Feeding Knowledge

 

Si svolgerà il prossimo lunedì 10 giugno il secondo ciclo di seminari on line (webinar) sulla sicurezza alimentare nel contesto del programma di ricerca e innovazione “Feeding Knowledge” all’interno della “Rete Internazionale di ricerca e innovazione sulla sicurezza alimentare”, in vista dell’evento Expo 2015 a Milano.

 I webinar del secondo ciclo saranno tenuti da esperti internazionali sulle 5 tematiche priorità tematiche del progetto:
1) Gestione delle risorse naturali sostenibili
2) Valorizzazione dei prodotti agricoli in termini qualitativi e quantitativi
3) Dinamiche socio-economiche e di mercati globali
4) Sviluppo sostenibile delle piccole comunità rurali in aree marginali
5) Modelli di consumo alimentare: dieta, ambiente, società, economia e salute

Il sesto punto si focalizzerà sulla quarta priorità e affronterà il tema:

Sistemi di agroecologia e di cibo sostenibile il tema dei sistemi agroecologici  e sistemi alimentari sostenibili: potenziamento delle comunità locali nei confronti  verso la sovranità alimentare.
Keynote speech sarà tenuto dal Prof. Graham Woodgate dell’University College di Londra, Istituto delle Americhe.
Il webinar è gratuito e andrà in diretta il 10 giugno dalle ore 15 alle 16.
Per partecipare al webinar cliccare qui. Le iscrizioni si chiuderanno alle ore 12:00 del 10 giugno. 
Per partecipare, è necessario solo un computer con connessione internet, cuffie e la volontà di condividere le proprie idee su questo argomento. Per i dettagli dell’iniziativa



 Seminario di viticoltura biodinamica

 

Il seminario TerraUvaVino è un' occasione per approfondire le conoscenze riguardo la biodinamica in viticoltura. Grazie al contributo di Antonello Colonna che ospiterà nel suo Relais di Vallefredda questo seminario che offre la possibilità di interventi di carattere scientifico, economico e pratico, oltre a degustazioni tematiche.

Tra i vari relatori che si succederanno il Prof. Matteo Giannattasio e la ricercatrice Katya Carbone che ci daranno il loro contributo dal punto di vista scientifico e della ricerca, Franco Fronteddu e il gruppo di lavoro di Mamoiada e Orgosolo, sostenuto da Laore Sardegna che testimonieranno la loro esperienza di conversione nel territorio del Cannonau, Maddalena Pasqua di Bisceglie che relazionerà sugli aspetti economici della conversione in biodinamica nella sua azienda Musella a San Martino Buon Albergo (VR), la Demeter Italia che ci presenterà il nuovo disciplinare di vinificazione che entrerà in vigore dalla vendemmia del 2013.

Sono previste tre diverse degustazioni di vini in biodinamica, moderate da Sandro Sangiorgi.

Per info: www.terrauvavino.it

 

Torna al sommario

 

Concorso LINFAs

 

Il Concorso LINFAs - Le Idee Nuove Fanno Agricoltura Sostenibile mette a disposizione 30 mila euro per realizzare progetti di agricoltura sostenibile. Promosso da Fondazione Collegio delle Università Milanesi e da Fondazione Italiana Accenture, il concorso è volto alla realizzazione di servizi e prodotti in ambito tecnico e tecnologico per la ricerca dell’equilibrio di produzione agro-forestale, allevamento, pesca e itticoltura nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. Il Concorso rimarrà aperto fino al 4 luglio 2013 su ideaTRE60, la piattaforma tecnologica di Fondazione Italiana Accenture dedicata a promuovere e sviluppare iniziative di innovazione sociale.

Il link per partecipare è www.ideatre60.it 

È disponibile anche un video di presentazione qui.

 

Torna al sommario

 

“Workshop importazioni di prodotti biologici dai paesi terzi nell'Unione europea” - procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità


L’importazione dei prodotti bio dai Paesi del Terzo Mondo verso l’Europa è stata saldamente in aumento negli ultimi anni. Nel 2012, il nuovo sistema delle importazioni dal Terzo Mondo è entrato di forza sulla base degli Organismi di controllo riconosciuto come equivalente: questo allarga la possibilità di importare in modo equo dalle 132 nazioni (oltre le 11 già riconosciute).

Gli Stati membri sono strettamente coinvolti allo scopo di tutelare i consumatori, i produttori e i mercati interni sulla conformità dei prodotti bio importati che potrebbero riportare lo stesso logo per i prodotti bio europei. La necessità di aggiornare le procedure informatiche  per migliorare il controllo e garantire la tracciabilità dei prodotti bio importati e per fornire di dati completi sul flusso reale dei prodotti importati le autorità competenti degli Stati membri. Sarebbe, inoltre,  importante fissare un sistema alternativo che permetta alle autorità competenti e alla Commissione EU di monitorare e intervenire in caso di crisi o di frode. Più in generale, è necessaria una maggiore armonizzazione tra i diversi sistemi di controllo doganali, nonché un coordinamento efficace in casi di allerta.

Vista l’importanza e l’urgenza di affrontare questi temi dai contenuti strettamente tecnici, l’ Istituto Agronomico Mediterraneo - IAMB, in collaborazione con MiPAAF - Ministero Italiano delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e nel contesto del progetto "Confini BioFrontiere-organici" ha deciso di organizzare un workshop specifico peri affrontare in modo efficace tutte le tematiche illustrate sopra.

L’appuntamento si svolgerà a Roma il prossimo 17 giugno ed è strutturato, alla mattina, con interventi sull’introduzione ai sistemi di controllo di alcuni tra i Paesi europei più attivi e una tavola rotonda pomeridiana per la discussione.

Per i dettagli sul programma, scaricare qui il file.


Torna al sommario

 


“Premio per lo sviluppo sostenibile 2013”

 

La Fondazione per lo sviluppo sostenibile ed Ecomondo istituiscono, anche per l’anno 2013, un premio destinato alle imprese che si siano particolarmente distinte per impegno innovativo ed efficacia dei risultati per uno sviluppo sostenibile, nonché per le start-up dedicate alla produzione di beni e servizi della green economy. Per l’anno 2013 il Premio riguarderà le imprese dei settori dell’ Eco-design, le attività agricole e attività connesse ad alta qualità ecologica e infine le Start-up dedicate alla green economy. 

I premi e gli attestati vengono assegnati a realizzazioni, attività e gestioni in corso, valutati sulla base: 

a) dell’efficacia dei risultati ambientali (attesi per le start-up), con particolare riferimento alla mitigazione della crisi climatica; 

b) del contenuto innovativo: o l’impiego di una nuova tecnica e/o una nuova pratica, o il miglioramento significativo di una tecnica e/o di una pratica già utilizzate o dei loro impieghi; 

c) dei risultati economici prodotti (o producibili per le start-up) con particolare riferimento alla remunerazione dell’investimento e all’occupazione prodotta; 

d) delle possibilità di diffusione, in particolare in Italia. 

La selezione dei dieci partecipanti verrà svolta entro il 31 luglio  in ciascuno dei tre settori, mentre la premiazione avverrà entro il 30 novembre 2013. 

La partecipazione al Premio è libera e gratuita. Possono partecipare alla selezione per l’attribuzione del Premio per lo sviluppo sostenibile 2013 tutte le imprese di uno dei tre settori che ritengono di avere i requisiti richiesti e che inviino domanda di partecipazione entro il 7 luglio 2013. Per saperne di più è possibile consultare il regolamento scaricandolo da qui. 

 

 

Torna al sommario

Per comparire sul prossimo numero, notizie, comunicati stampa, avvisi di iniziative, convegni, mercati, corsi, lettere, commenti ecc. vanno inviati alla redazione entro mercoledì mattina a questo indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Bio@gricultura Notizie: Il settimanale di informazione edito da Aiab

In redazione:  Luca Colombo, Giulia Colucci, Sabina Galandrini e Giuliana Sesto

Per iscriverti, annullare la tua iscrizione, o modificare l'indirizzo a cui ricevi questa newsletter: http://www.aiab.it

 

© 2013, Edizioni Aiab - Tutti i diritti di riproduzione sono liberi citando la fonte.