00000001-rid.jpgNegli ultimi vent’anni l’aumento delle mense biologiche è stato inarrestabile. Ora, con i circa 1.400.000 pasti biologici die di scuole e ospedali, siamo primi in Europa.

Tale sviluppo è stato favorito da provvedimenti normativi nazionali e regionali e dal lavoro culturale e progettuale incessante di associazioni come AIAB che, fin dai primi anni novanta, ha messo in campo la sua task force su tutto il territorio nazionale.

AIAB, intuito le enormi potenzialità dei consumi istituzionali si è impegnato nella promozione della cultura complessiva del biologico e nella diffusione dei suoi valori quali: qualità, sicurezza ed eticità.

Per la diffusione delle mense biologiche ha lavorato con Amministrazioni, associazioni di genitori e cittadini supportandoli, con contributi culturali, organizzativi e progettuali (vedi progetti AIAB). Nell’incessante ricerca di strumenti idonei a superare i numerosi ostacoli sulla via della trasformazione al sostenibile, ha messo a punto e reso applicabili nuove forme organizzative del servizio atte a risolvere problemi di costo di capitolato e di fornitura. Lavora con le Amministrazioni a “Progetti di mensa scolastica sostenibile” basati su di parametri di sostenibilità complessi, per fare del servizio un modello concreto e vissuto per gli utenti.

Per collegare le produzioni biologiche del territorio ai consumi istituzionali (siamo i primi in Europa) promuove la filiera corta e di prossimità lavorando con i produttori alla programmazione delle produzioni. Le ricadute sono incoraggianti.

AIAB guarda avanti e sta già lavorando alle strategie di eco efficienza complessiva del servizio.

AIAB è partner in progetti europei e transatlantici atti a costruire un livello organizzativo transnazionale per realizzare, attraverso il coagulo di buone pratiche e competenze, un modello di servizio sostenibile, nella sua valenza più completa.